➸𝑪apitolo ventotto

2.2K 107 12
                                    

Guardo impanicata Max che si rende subito conto della gaffe che ha appena fatto. Ha parlato di Lando davanti ad Arthur che non sa ancora nulla e sicuramente non glielo dirò in questo momento. Voglio avere la tranquillità giusta che avevo anche con Charles, non in un box che ha un via vai di persone.

"Charles Carlos"

Il meme di spider-man, ecco cosa siamo in questo momento. Da una parte Arthur con un espressione confusa, da un'altra i due piloti ferrari e infine io e Max che ci guardiamo sperando di scomparire.

"Cami"

Vado ad abbracciare mio fratello maggiore per poi dare due baci sulle guance allo spagnolo che qualcosa ha captato.

"Stavamo andando a mangiare, ci aggiungete?"

Propone Carlos, divertito più che mai dalla situazione. Gode nell'essere parte del pettegolezzo.

"In realtà dovevamo andare con Lando"

Subito cerca di apparare la situazione Max, per farci scappare in modo elegante.

"Potete aggiungervi se vi va"

Oh no Charles Leclerc io quello sguardo lo conosco. Non abbiamo più vie di uscite, anzi siamo obbligati ad accettare e lui approfitterà di questa occasione per mettere me e Lando sotto torchio.

"Va bene"

Così venti minuti dopo siamo seduti tutti quanti ad un tavolo, in attesa delle nostre ordinazioni. Stranamente io e Lando siamo finiti seduti vicino, che casualità.

"Arthur ma tu lo sai che"

Tiro un calcio sotto al tavolo al numero sedici, che ha tutta la voglia di vendicarsi per essere stato all'oscuro di tutto.

"Cosa?"

Ovviamente mamma di Leclerc intelligenti ne ha sfornato solo uno, ovvero io, mentre gli altri sono usciti tutti con qualche neurone in più o in meno.

"Lando e Camille stanno insieme"

"Non stiamo insieme"

Subito voglio mettere a tacere la situazione, senza rendermi conto della reazione dell'inglese al mio fianco che fino a questa frase aveva la sua mano poggiata sulla mia coscia, ma che a seguito ha tolto.

Max mi manda delle occhiate, come per farmi capire qualcosa ma che adesso non sono pronta a sentire troppo impanicata.

"Ah si? Quindi siete stati come due amici tutti questi giorni a Londra?"

"Sei stata a Londra?"

"Non è come sembra"

Non so perché sto andando nuovamente in panico, perché cerco di negare tutto. Ma poi basta ragionarci e mi ricordo che nemmeno io so cosa siamo. Stiamo insieme? Ci stiamo sentendo? Non ho bisogno di etichettare, mi ripeto, eppure questo non basta né a me ne alla faccia scontenta di Lando.

"Allora spiega"

Arthur non è mai sembrato più serio di così e la cosa mi spaventa.

Finalmente decido di buttare un occhio sull'inglese e capisco che parte delle mie parole l'hanno ferito. I suoi occhi infatti hanno delusione e angoscia al loro interno, quindi mi decido di dare una calmata e provare a parlare apertamente.

"Non stiamo insieme, ci stiamo sentendo. Non sono fatti vostri poiché nelle vostre relazioni io non mi immischio. Si comporta bene con me se questo vi preoccupa, io con lui sto bene e questo dovrebbe essere l'importante"

Il sorrisetto divertito di Arthur mi fa campire che la serietà era solo una grandissima presa per il culo.

"La mia sorellina è innamorata"

Si allunga per tirarmi una guancia, adorando il fatto di poter stare dalla parte di quello che può sfottere.

"Stai zitto idiota"

Ma la cosa che mi fa spuntare il sorriso è la mano di Lando nuovamente poggiata sulla mia coscia. Solo adesso posso tirare un sospiro di sollievo, senza nemmeno rendermi conto di quanto avessi avuto paura di ferirlo.

Alla fine il pranzo finisce in modo abbastanza cringe, con Arthur che spiega a me e Lando il senso del preservativo. A nulla sono servite le nostre suppliche di stare zitto, ha avuto finalmente la sua rivincita.

Me ne vado nel box McLaren, così da poter trascorrere del tempo "da sola" con Lando. Ci chiudiamo nella sua stanza, finendo subito avvinghiati l'uno all'altro.

"Lan"

"Mh?"

I suoi baci continuano con una traiettoria pericolosa lungo tutto il mio collo, scaturendomi non pochi brividi.

"Ma noi cosa siamo?"

"In questo momento vorrei solo averti nel mio letto, ma penso che per il resto sia chiaro che sei la mia ragazza"

"Ah sì? Io non ho avuto nessuna proposta"

"Allora aspettatela, perché prima o poi arriverà nel modo più particolare ti possa immaginare"

Rika's place🦋
Ciao belli, capitolo di passaggio ma che anticipa sicuramente una bella sorpresa per la nostra Camille!

Vi sta piacendo la storia? Spero tanto di sì. Nel frattempo ho una notizia che potrebbe interessarvi

 Nel frattempo ho una notizia che potrebbe interessarvi

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

A quanti di voi piacerebbe leggerla? Fatemelo sapere

Xoxo Rika
PS LANDO P2 INCREDIBILE, FANTASTICO, ECCELSO. Se solo non ci fosse stato quel treno di Max sarebbe stata una vittoria con i fiocchi

➸ Wildest Dreams || Lando NorrisDove le storie prendono vita. Scoprilo ora