15. Capodanno

2.8K 79 4
                                    

Nota dell' autrice: mettetevi comod* perché questo capitolo è tipo il più lungo che abbia mai scritto. Buona lettura✨💥🍾🎉🌶️🌊🫧

Ps. vi consiglio la canzone che ho messo sopra per la lettura. Non so perché mi fa pensare tanto a Kumo e Ginevra🥹


















"...ma amo le tue gambe, tu sei così bella.
Okay, sì lo so, finirà male ma vabbè.
Giù nei giorni miei, è come se fossi incastrato dai miei mostri e solo tu mi riprendi,
non lasciarmi più.
Io e te spacchiamo, insieme contro la fine.
Tu chi sei non lo so, ma ti sogno su di me
Le tue frasi, i tuoi gesti e gli sguardi cosa vogliono dire?"













Tu chi sei non lo so, ma ti sogno su di meLe tue frasi, i tuoi gesti e gli sguardi cosa vogliono dire?"

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Ginevra

Ho sempre amato il Natale. Eppure ogni anno, proprio prima di festeggiarlo, accade qualcosa che lo rende meno bello e meno magico.
Quest' anno non mi sarei mai aspettata che fosse per un ragazzo.
Si, perché non ho fatto altro che pensare a Tiziano da quando ci siamo separati qualche giorno fa.
Ci siamo scritti qualche messaggio, ma non è assolutamente la stessa cosa di averlo qui vicino a me. E pensare che poco tempo fa lo odiavo.
E invece mi ritrovo il 27 dicembre a fissare il soffitto ascoltando qualsiasi canzone che mi ricorda che lo rivedrò tra quattro giorni e per poco più di due ore.
Mi sento ridicola.

Lo sei. Alzati e fai qualcosa.

Facile a dirsi, dato che i miei sono a lavoro e io non ho proprio nulla da fare se non deprimermi sul letto.

Proprio mentre penso questo, il mio telefono squilla.

Tiziano🤍

Balzo subito seduta e mi affretto a rispondere. "Pronto?" Un po' di disinvoltura, per l'amor del cielo, Ginny.

-"Lo scoiattolo in ceramica in mezzo al tuo giardino è orribile, se posso permettermi."

-"Cosa?" Mi affetto ad andare in salone e affacciarmi alla finestra.
Eccolo lì, appoggiato alla macchina con il suo giubbotto di pelle. "Tu sei pazzo."

-"Forse un po'." Sorride. "Non vieni a salutarmi?"

-"Sono in pigiama."

-"Ti aspetto. Andiamo a farci un giro." Sorrido verso di lui e poi metto giù il telefono correndomi a preparare.

Mi lavo velocemente e poi indosso un paio di jeans neri, dolcevita marrone e stivaletti neri. Faccio una linea sottile con l'eyeliner marrone, una passata di mascara, rossetto nude e una quantità industriale di profumo.
Lascio i capelli sciolti e poi afferro il mio giubbotto di pelle e lo raggiungo quasi correndo.

Passo dopo passo|| Kumo Amici 23Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora