43. Ditemi che è uno scherzo

1.1K 56 10
                                    

"I feel alive when I'm close to the madness
No easy love could make me feel the same
I know I could lie but I won't lie to you
Wherever I go you're the ghost in the room"

"I feel alive when I'm close to the madnessNo easy love could make me feel the sameI know I could lie but I won't lie to youWherever I go you're the ghost in the room"

Oops! Questa immagine non segue le nostre linee guida sui contenuti. Per continuare la pubblicazione, provare a rimuoverlo o caricare un altro.

Ginevra

Niente. Assolutamente niente.
È questa l'unica emozione che provo da quando Tiziano ha attraversato la soglia della casetta.

-"Ti aspetto, te lo prometto." Mi sussurra nell'orecchio ripetutamente mentre mi abbraccia.
I miei singhiozzi scuotono entrambi e anche lui ha gli occhi lucidi.

-"No ti prego, rimani con me."

-"Lo sai che non posso." Appoggia la fronte sulla mia e mi lascia un bacio sul naso. "Ti prometto che quando esci da qui voliamo a New York, io e te. Okay?"

Annuisco, senza nemmeno pensarci. Nella mia testa c'è solo la consapevolezza che domani, al mio risveglio, lui non ci sarà.

-"Ti amo." Gli dico mentre mi sfiora le labbra con le sue.

-"Ti amo."

-"Ginny, forza, avanti. Devi alzarti." La voce di Martina mi risveglia dai miei ricordi.

-"Non ho fame."

-"Va bene, ma hai lezione tra poco e non puoi mancare, lo sai."
Sì, lo so. Per questo sospiro e mi alzo per darmi una sistemata e rendermi presentabile.

In questo momento ballare è l'unica cosa che mi fa sentire meglio, per cui da una parte sono anche sollevata di alzarmi dal letto che ultimamente ha preso la forma del mio corpo.

-"Manca anche a me, Ginny." Holden entra in camera mentre sto preparando il borsone e si siede sul letto.

-"Lo so." Mi siedo accanto a lui.

-"Però non puoi buttare tutti i tuoi anni di studio così. Non è morto, è solo uscito."

-"È che non siamo mai stati separati così a lungo da quando ci conosciamo."

-"Si, ho notato." Ride lui, ma io non riesco a far altro che accennare un sorriso. "Ma lo so che c'è qualcos'altro."

Ma come fai?

-"È che ho paura che lui mi dimentichi, che trovi qualcun'altra o che comunque si renda conto che il tutto era un fuoco di paglia." Sospiro.

-"Impossibile." Sorride ancora. "Tu per lui sei davvero importante e unica."
Una lacrima mi riga la guancia e lui mi avvolge un braccio intorno alle spalle e io appoggio la testa sulla sua spalla. "Ti ama davvero."

Passo dopo passo|| Kumo Amici 23Dove le storie prendono vita. Scoprilo ora